Vacanze in hotel a Matala Creta

Vacanze in hotel a Matala Creta

Vacanze in hotel a Matala Creta

Palazzi dell’età del bronzo, spiagge iconiche e panorami mozzafiato: il parco giochi degli antichi minoici e dei moderni hippies a Creta

In una delle isole più famose della Grecia, a Creta, incontrerete alcuni dei più importanti siti minoici: Festo, la tenuta di Agia Triada e Kommos. Questi imponenti monumenti dell’alba della civiltà europea vi riporteranno a un tempo in cui il mito e la storia erano indistinguibili. Poi farete ritorno al passato recente con una visita a Matala e alle sue famose grotte scolpite e alla sua bella spiaggia. Qui troverete i fasti degli anni sessanta. Gli hippies resero famoso questo villaggio di pescatori un tempo minuscolo e gli diedero un posto nella storia culturale moderna.

Cosa fare a Festo

Festo, il palazzo di Radamanthus
Il palazzo è situato su una collina che domina la fertile valle di Kato Messara delimitata dal monte Psiloritis, la montagna più alta di Creta e una delle più impressionanti della Grecia, e il monte Asterousia. Secondo la mitologia, la dinastia di Radamanthus, figlio di Zeus e fratello del re Minosse, regnò su questi luoghi. Festo fu uno dei centri più importanti della civiltà minoica e il più ricco e potente nel sud di Creta.

Cominciò a prosperare con l’inizio dell’età del bronzo a metà del terzo millennio a.C. Il primo palazzo fu costruito intorno al 1900 a.C. e l’intero complesso occupava circa 18.000 metri quadrati, appena un po’ meno del palazzo di Cnosso. Un grande terremoto del 1700 a.C. distrusse entrambi i palazzi. Un nuovo ed ancor più imponente palazzo è stato ricostruito al suo posto e la maggior parte degli edifici restaurati che vedrete appartengono a questo secondo palazzo. Gli scavi hanno rivelato sezioni del primo palazzo e un tempio della Grande Madre Rhea del primo periodo arcaico.

Il disco di Festo ancora nasconde i suoi segreti
I minoici non rinunciano facilmente ai loro segreti e il disco di Festo ne è un esempio perfetto. Questa importante attrazione, da non perdere a Creta, è stata scoperta nel 1908 ed è stata indagata da decine di importanti linguisti, archeologi e crittografi internazionali senza poter essere decifrata. Si pensa che risalga al XVII secolo a.C. e lo vedrete esposto nel Museo Archeologico di Heraklion, uno dei più significativi musei della Grecia.

Matala, un luogo simbolico per una generazione alternativa
I figli dei fiori che hanno reso famosa Matala in tutto il mondo ritornano qui in estate per il Matala Beach Festival che si tiene in questa splendida spiaggia sabbiosa dalle grotte scolpite. La storia della zona risale a molto prima, ovviamente. Matala era originariamente il porto di Festo e poi di Gortyna fino al primo periodo bizantino. Non si sa per certo chi abbia scolpito le caverne dalla pietra tenera, ma è evidente come le persone vi vivessero dalla preistoria fino all’era paleocristiana. Al giorno d’oggi queste vestigia di un’epoca passata sono vicine ad un fiorente villaggio turistico pieno di alberghi, caffè, bar, ristoranti e negozi.

Fai un tuffo nell'acqua cristallina di Creta
Matala si trova in una grande baia chiusa che crea una meravigliosa spiaggia sabbiosa, a cui è stata assegnata una bandiera blu. Molto vicine sono le spiagge di Kokkini Ammo (Sabbia Rossa) e Kommos, che è un noto sito di nidificazione per la tartaruga marina. Tuffatevi nelle sue acque meravigliosamente pulite e profonde e concedetevi una serie di sport acquatici. E non perdetevi il tramonto mozzafiato a Livykos, proprio dietro Paximadia, le due piccole isole all’interno del Golfo di Mesaras.

Gioielli nascosti di Festo

Agia Triada, il ritiro estivo del re?
Sulle rive del fiume Geropotamos, non lontano da Festo, si trova uno dei luoghi più belli di Creta. Lì vedrete la tenuta reale o il piccolo palazzo minoico di Agia Triada. Costruito intorno al 1600 a.C., è un importante monumento minoico dove sono venuti alla luce reperti di artefatti. Gli archeologi dibattono se fosse la residenza estiva dei re di Festo o fosse utilizzata nel periodo in cui il palazzo principale veniva ricostruito dopo la distruzione dell’originale.

Kommos, il porto arcaico
Il sito archeologico si erge al di sopra dell’enorme spiaggia di Kommos. Fu il porto dei palazzi di Festo e di Agia Triada dal 1650 al 1250 a.C. Gli archeologi hanno scoperto l’antico villaggio sul mare e molti edifici pubblici che probabilmente fungevano da magazzini o rimesse per le barche che proteggevano la flotta minoica dagli elementi naturali.

Odigitria - Monastero di Agiofarango
Situato nel mezzo di un paesaggio selvaggio e arido, il Monastero Odigitria-Agiofarango è uno dei più antichi monasteri di Creta. È circondato da un alto muro, con una torre-fortezza conosciuta come la Torre di Xopatera. Dal monastero, dirigetevi verso la gola di Agiofarango e godetevi una fantastica passeggiata nella bellezza selvaggia.

Scendendo nella gola, passerete dalla chiesa di Sant’Antonio, che un tempo rappresentava un centro di ascesi per i molti eremiti che vennero qui e dalla quale prende il nome la gola. Un po’ più in avanti si trova la grotta di Goumenospilios.

 

Source: discovergreece.com